Come organizzare una maratona di beneficenza

La beneficenza è sempre un ottimo impegno ed organizzare a questo scopo una gara sportiva, come una maratona, può essere soddisfacente sotto ogni punto di vista.

Una maratona attuata con successo infatti, è un mezzo eccellente per sensibilizzare l’opinione pubblica e raccogliere fondi per una giusta causa.

Di seguito ti forniamo qualche utile consiglio per pianificare con ordine l’evento ed avere così maggiori possibilità che esso riesca alla perfezione.

 

OBIETTIVO, SCOPO E PUBBLICITA’

Il primo punto, trattandosi di una gara di beneficenza, consiste nell’individuare l’ente oppure lo scopo da sostenere, dopodiché bisogna scegliere un nome da dare alla manifestazione; siccome esso deve essere facile da ricordare ma al tempo stesso incisivo e d’impatto, opta per uno che non sia troppo lungo e quindi più semplice da tenere a mente.

Pubblicizza la maratona con ogni mezzo possibile, dai tradizionali volantini, manifesti e cartelli, al più immediato ed innovativo web, utilizzando i social network, soprattutto Facebook e Twitter e, magari, aprendo un blog a tema.

 

DATA, LUOGO E LIVELLI

Ovviamente il secondo step è rappresentato dalla scelta della data e del luogo che vedranno lo svolgersi della corsa; per sicurezza, soprattutto se il posto è molto popolare e frequentato, tieni sempre pronto un piano B, ovvero una data e una località di riserva nel caso in cui, per varie ragioni, non sia possibile utilizzare i primi.

Stai molto attento al percorso che gli atleti dovranno compiere: selezionalo con cura e predisponi almeno due diverse distanze da coprire, un tragitto più breve ed uno più lungo, così da dare la possibilità di partecipare a persone con livelli differenti di preparazione fisica.

Ovviamente controlla con la massima scrupolosità la sicurezza del percorso, garantendo l’incolumità dei partecipanti (in pratica non devono esserci ostacoli, zone pericolose, buche, avversità ecc.).

 

QUESTIONI ECONOMICHE

Organizzare una maratona comporta dei costi, che devono essere valutati ed ordinatamente ripartiti.

Per cominciare puoi ispirarti ad altri eventi simili: effettua una ricerca in merito ed informati sui costi.

Stabilisci dunque un preventivo, che deve includere tutte le spese da sostenere, dalla pubblicità al rinfresco, dai bagni chimici ai punti di ristoro, dagli striscioni di arrivo e partenza ai contenitori per i rifiuti (mi raccomando: fai la raccolta differenziata!), dai numeri da apporre sulle maglie dei podisti ai premi finali.

Il modo migliore per finanziarsi è naturalmente quello di trovare degli sponsor: cercali per tempo e possibilmente non a casaccio, ma mirati, contattando aziende che abbiano una qualche attinenza con la gara e con lo scopo che essa si è prefisso.

 

NORME DA RISPETTARE

La maratona deve svolgersi secondo le norme di legge attualmente in vigore e nel rispetto delle regole che stabiliscono l’andamento delle manifestazioni sportive.

Ciò significa che devi ottenere la copertura assicurativa necessaria, che avrai solo informandoti per tempo sulle concessioni o autorizzazioni che ti occorrono e sul tipo di assicurazione medica e/o per responsabilità che serve.

Eventualmente contatta la Polizia, i Vigili del Fuoco, l’assessorato ai lavori pubblici e quello all’ambiente del comune e i proprietari dei terreni che saranno coinvolti nel percorso di gara.

 

OCCORRENTE

Non dimenticare nulla quando andrai ad acquistare tutto ciò che ti serve per l’evento, dalle bottigliette di acqua alle canotte con numeretti per i partecipanti, dai contenitori per i rifiuti al rinfresco ai premi per i vincitori.

Per essere più sicuro fai una lista prima.

 

RINGRAZIAMENTI

Terminata la maratona, non dimenticare di ringraziare i partecipanti, i volontari che ti hanno aiutato nell’organizzazione della stessa (potresti far loro anche un piccolo regalo) e gli sponsor.

Come ringraziare?

Utilizza il web, ma anche i giornali locali, ai quali puoi chiedere di dedicare alla maratona e ai suoi promotori un piccolo articolo o un comunicato stampa.

 

 

 

 

 

 

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *