Lo stile nella corsa: l’importanza di correre bene

Cosa intendiamo per stile nella corsa? La bellezza del gesto del correre certamente ma anche una buona funzionalità del gesto. E proprio riferendoci a questa funzionalità avere un buono stile di corsa  porta dei vantaggi al corridore per almeno tre motivi: il primo è chi corre bene va certamente più forte, il secondo è perché chi corre bene diminuisce il rischio di incorrere nei disturbi tipici del corridore (infiammazione a tendini e legamenti), il terzo è chi corre bene mantiene più a lungo le energie e dunque la resistenza.

Ma cosa significa correre bene? Come si può avere uno stile ottimale nella corsa? Si potrebbe pensare che “a correre siamo tutti capaci” diversamente dal ciclismo o dal nuoto o da qualsiasi altro sport  sembra che la corsa sia un’attività innata in ognuno di noi, d’altronde si impara a correre ancor prima che a parlare. Ok, tutto vero, ma correre bene è un’altra cosa. Il movimento della corsa è molto complesso e il correre bene va oltre il semplice lato estetico. L’atleta che corre deve porre un’attenzione particolare a dettagli quasi “sfuggenti” per un profano, dettagli come l’appoggio della punta del piede, come il tenere le ginocchia alte o come la falcata lunga.

L’atleta che corre deve saper fare combaciare stile e funzionalità, elementi che dovrebbero, appunto, corrispondere in un buon corridore. L’allenamento del podista, dunque, deve essere atto a migliorare le proprie qualità muscolari e le proprie qualità organiche ma anche a migliorare la resa. E per migliorare la resa occorre spendere bene le calorie.

Il consumo delle calorie

Per fare una corsa pari ad un chilometro un atleta spende circa 0.9 calorie per ogni kg di peso corporeo. Quindi un corridore che pesa 50 chili (beato lui) consumerà circa 45 calorie, uno che pesa sessanta chili ne utilizzerà circa 54 calorie. Questo indipendentemente dalla velocità con la quale si corre se si parla di una corsa di fondista e se ci si riferisce a persone allenate (altrimenti il consumo aumenta). In tanti corrono per dimagrire e quindi associano la correttezza della corsa ad un maggior consumo di calorie, ma il discorso è esattamente il contrario: il “risparmio energetico” la spesa energetica è la base per una buona corsa. Quindi correre bene significa anche spendere poco (in termini di calorie).

Scegli i nostri prodotti per il tuo evento sportivo!

Le fasi della corsa

La spesa di 0.9 chilo-calorie per chilogrammo di peso per correre un chilometro è quindi la spesa media. Ma per vedere il consumo calorico di ogni singola uscita occorre analizzare alcuni punti.

Occorre premettere quali sono le fasi principali della corsa che sono fondamentalmente tre: la fase di volo che è quella che si caratterizza per l’assenza di contatto con il terreno, la fase di appoggio che è quella immediatamente successiva alla fase di volo e si caratterizza per il contatto con il terreno e la fase di spinta che è quella immediatamente successiva a quella di appoggio e immediatamente precedente a quella di volo.

E’ proprio nella fase di spinta che si ha il maggior consumo di calorie perché in questa fase il corpo viene sollevato, i muscoli della gamba, della coscia e dei glutei lavorano per sollevare il centro di gravità del corpo. Per risparmiare su questa fase, che è la più onerosa in termini energetici, occorre tenere sempre presente che l’intensità della spinta deve essere sempre in rapporto alla velocità con cui si corre. La spinta va dunque dosata in rapporto all’andatura e anche alle caratteristiche del terreno sul quale si corre.

Come correggere lo stile nella corsa

Ecco alcuni dei più comuni difetti tecnici del corridore con alcuni suggerimenti per correggerli.

busto inclinato in avanti o spalle troppo arretrate: il corridore deve tenere il petto alto e all’infuori e, per quanto possibile, il mento indietro (il più vicino possibile al pomo d’Adamo).

braccia rigide: occorre allenarsi compiendo gli stessi movimenti che si compiono nello stile di nuoto a dorso ed a farfalla.

spinta eccessiva: ci si può allenare facendo la corsa in discesa a passi brevi.

Ovviamente l’allenamento costante e ponderato aiuta  nel perfezionamento della corsa, quindi con il tempo, e soprattutto seguendo i nostri consigli, imparerete a spendere meno, a correre meglio e ad avere un ottimo stile (non solo nel look!)

 

 

Immagine di copertina di pixabay  by skeeze , licenza Public Domain

Potrebbero interessarti

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *