Come sponsorizzare la tua Gara Podistica

Hai organizzato una gara podistica e non sai come agire per farla sponsorizzare?

In effetti si tratta di un aspetto importante in riferimento a qualsiasi tipo di evento ed occorre muoversi in modo mirato e con la giusta cautela, adottando un certo tipo di strategia.

In pratica ciò vuol dire che, per ridurre al minimo la possibilità che ti venga risposto di no, devi presentare l’avvenimento come un buon affare per le aziende da cui vorresti essere sponsorizzato.

Insomma, perché lo sponsor dovrebbe scegliere proprio te e non un altro?

Dopo esserti messo per un attimo dall’altra parte, cercando di capirne le esigenze, che poi sono essenzialmente di positivo ritorno economico, agisci come di seguito ti suggeriamo.

 

PUNTO UNO: SCEGLI IL TIPO DI AZIENDE DA CONTATTARE

Non c’è nulla di più sbagliato ed improduttivo che contattare le ditte a casaccio nella speranza (troppe volte vana!) che prima o poi qualcuna risponda al tuo appello.

Questo significa che devi compilare fin da subito un elenco di aziende che abbiano, in qualche modo, una certa attinenza con ciò che la gara rappresenta e con i valori che essa intende esprimere.

Qualche esempio?

Se la tua gara ha a che fare con il delicato e gettonatissimo tema dell’ecologia e del rispetto per l’ambiente, cerca sponsor che da ciò abbiano da guadagnare qualcosa, come chi si interessa allo smaltimento dei rifiuti in modo sostenibile o chi commercia in prodotti “green” (detersivi, saponi, articoli di pulizia in genere, cibo biologico ecc.).

La corsa è tutta al femminile?

Sbizzarrisciti alla ricerca di centri fitness e benessere, profumerie e negozi di abbigliamento.

E poi ci sono, come è evidente, i negozi di articoli sportivi, che di solito hanno tutto l’interesse a farsi notare in questo tipo di eventi.

 

PUNTO DUE: SPIEGA I VANTAGGI ED I BENEFICI CHE OFFRI

Scegli i nostri prodotti per il tuo evento sportivo!

Tenendo conto del fatto incontrovertibile che il solo ed unico interesse delle aziende in questi casi è il guadagno, non devi far altro, al momento della proposta, di esporre con chiarezza questo aspetto.

In fondo stai chiedendo dei soldi, quindi devi dire perché per loro sarebbe bene darli a te e non ad un altro.

Invece di annoiare gli interlocutori sciorinando tutta la storia, per filo e per segno, dell’evento, vai subito al sodo, ovvero ai numeri, che fanno sempre presa in questi casi: numero di iscritti, materiale pubblicitario usato (volantini, locandine, biglietti, internet, pagina Facebook ecc.), contatti ricevuti tramite web, telefono e qualunque altro mezzo adoperato, pubblico interessato e premi messi in palio per i vincitori, costituiscono certamente la base imprescindibile da cui partire.

Tieni presente che maggiore sarà il numero di persone interessate all’evento, maggiore sarà, per ovvi motivi, l’interesse dell’azienda a sponsorizzarlo.

Per comodità, stampa questi dati e tutti quelli ad essi attinenti che ritieni utili su un foglio excel, che poi darai ai tuoi interlocutori al momento della presentazione.

 

PUNTO TRE: SII OPERATIVO E NON PERDERE TEMPO!

Agli sponsor piacciono gli organizzatori dinamici e veloci, che sappiano bene e fin da subito come e quando muoversi evitando inutili perdite di tempo.

In linea generale quindi, cerca di fare tutto con largo anticipo, senza ridurti all’ultimo momento.

Impegno e costanza non solo non devono mai mancare, ma devono essere sempre sotto gli occhi di eventuali sponsor, che così avranno modo di apprezzare la passione e lo sforzo impiegati nel progetto.

Ciò ti farà apparire inoltre, serio e determinato, due requisiti essenziali alla riuscita dell’evento stesso e che le aziende sponsorizzatrici tengono in considerazione come requisiti indispensabili.

E poi giocare d’anticipo, molto prima possibilmente della data stabilita per la gara, può portare con sé anche un altro ottimo ed ambito risultato: aggiudicarsi gli sponsor migliori strappandoli ai concorrenti!

Potrebbero interessarti

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *