Timbro autorizzazioni

Autorizzazioni per competizioni sportive su strada: come ottenerle e a chi rivolgersi

Competizioni sportive su strada: quali sono le prescrizioni della legge italiana?

Le competizioni sportive su strada, come anche quelle in cui sono coinvolti veicoli a motore oppure animali, sono vietate sulle vie pubbliche e su tutta la rete stradale interessata dal traffico.

 Tuttavia questo divieto può essere sospeso dalla Prefettura in alcuni casi particolari, come ad esempio in presenza di un’autorizzazione rilasciata dalla Provincia oppure dal Comune interessato dalla gara al promoter o al gruppo organizzatore.

 Come ottenere un’autorizzazione per una corsa podistica su strada o una gara d’atletica

Se la gara si svolge all’interno di un centro abitato, l’organizzatore non dovrà far altro che inviare una richiesta al sindaco per il rilascio di un’autorizzazione scritta per lo svolgimento della stessa.

 In questo caso il sindaco, se richiesto dal promoter, può ordinare direttamente la sospensione temporanea del traffico per un numero variabile di ore.

 Se invece la competizione ha luogo all’interno del Comune, ma su strade esterne al centro abitato, la domanda di sospensione del traffico dovrà essere inviata alla Prefettura.

 Se la gara si terrà su un territorio più esteso o in più Comuni, il promoter dovrà inviare una richiesta di autorizzazione alla Provincia almeno trenta giorni prima dell’evento.

 Sospensione del traffico: in quali casi il Prefetto può ordinarla?

Oltre che per le competizioni su strada, il Prefetto può ordinare la sospensione  del traffico momentanea anche per le gare podistiche, ciclistiche nonché per le manifestazioni sportive in cui è previsto l’uso di pattini a rotelle.

 Autorizzazione per competizione su strada: come inoltrare la domanda e quali sono i materiali da includere

Il promoter o il comitato organizzatore della gara può inoltrare la richiesta di autorizzazione su un’unica domanda in bollo alla Provincia o al Comune. Al documento dovrà essere allegata una richiesta per ottenere l’ordinanza della sospensione temporanea del traffico da parte del Prefetto.

 Oltre ad una lettera con una breve presentazione del gruppo e la richiesta formale per il rilascio dell’autorizzazione per la gara, nella busta dovrà essere inclusa anche una planimetria, realizzata sulla cartografia della rete stradale, il percorso della competizione, l’elenco dei Comuni attraversati, la ragione sociale del gruppo sportivo organizzatore, il numero di telefono e di fax del responsabile o della sede dell’associazione, il nome, il giorno e l’orario di svolgimento della gara.

 Esclusioni

Dalla richiesta di autorizzazione sono escluse le corse organizzate all’interno di uno stadio, le competizioni degli oratori, delle parrocchie e di istituzioni simili che hanno un numero di concorrenti limitato o che si rivolgono esclusivamente ai loro frequentatori e le gare che, pur essendo organizzate da associazioni sportive riconosciute, non comprendono la presenza di giudici sportivi.

 Assistenza medica e sanitaria

L’autorizzazione per le competizioni sportive su strada viene rilasciata soltanto alle manifestazioni o ai gruppi organizzativi che possono garantire un’adeguata assistenza sanitaria sia per gli spettatori sia per gli atleti che partecipano alla gara.

 Con ciò si intende che, lungo tutto il percorso, devono essere presenti dei medici o dei paramedici con strutture adeguate, come ambulanze, che possono intervenire in modo tempestivo in caso di infortunio e prestare soccorso.

 Presenza della polizia

Se i promoter richiedono la presenza della polizia per scortare gli atleti oppure per tenere lontano il pubblico dal tracciato, devono versare un’indennità all’amministrazione da cui dipendono gli agenti e gli ufficiali addetti alla vigilanza, come stabilito dall’articolo 119 del regolamento TULPS.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *