Benefici e svantaggi dell’Ultramaratona

Molte persone vedono le maratone come l’obiettivo più alto che un corridore possa raggiungere. Questo è particolarmente vero per le grandi maratone come quelle ospitate a Boston e New York City. Se già la classica maratona da 42 km può essere una sfida impegnativa, i corridori di livello medio-alto, possono compiere un ulteriore passo in avanti, con un’ultramaratona.

Cos’è l’ultramaratona?

Una ultramaratona, anche conosciuta come ultra distance o ultra running, è una corsa più lunga della tradizionale lunghezza della maratona di 42.195 km.

I corridori possono scegliere tra innumerevoli variazioni sull’idea di ultramaratone. Tutti hanno alcune regole fondamentali che devono seguire per guadagnare il titolo, una delle quali è che devono essere più lunghe di 42.195 km (26.219 miglia). Passato quel marchio, tuttavia, gli ultramaratoni possono essere eventi selvaggi e meravigliosi che ospitano corridori di ogni livello di esperienza.

Ma perché 42.195 km?

Per rispondere a questa domanda è necessario tornare indietro di qualche secolo. Precisamente nell’antica Grecia. Nel 490 a.C., un soldato greco di nome Pheiddipedes fu incaricato di dirigersi in fretta verso Atene, per consegnare la notizia della vittoria dei greci sui persiani nella battaglia di Maratona. Atene si trovava a circa 42 km di distanza da Maratona. La leggenda vuole che abbia corso continuativamente per comunicare la notizia,  per poi morire subito dopo a causa dello sforzo fisico.

I diversi tipi di ultramaratona

Gli ultramaratoneti si allenano in due categorie principali: tempo e distanza. In entrambi i casi, possono essere percorsi a tappe oppure ad anello, gestiti su strade, sentieri e piste. Le regole consentono ai corridori un andamento libero. Ciò significa che possono fare delle pause, fermarsi a bere o mangiare e persino dormire se gli eventi sono particolarmente lunghi, come le gare di più giorni. Nessuna penalità risulta da tale interruzione, ad eccezione del tempo o della distanza che un corridore perde dalla sua prestazione.

Ultramaratona sulle distanze

Con questa tipologia di ultramaratona, gli atleti devono coprire determinate distanze. Quelle più comuni sono 50 km (31.069 miglia), 100 km (62.137 miglia) o 160.9344 km (100 miglia), ma alcune ultramaratone potrebbero essere anche più lunghe. La più lunga ultramaratona certificata al mondo è The Ultimate Ultra, l’annuale Sri Chinmoy 700,100 and 1300-miles races (2092 km) che si svolge ogni autunno a New York. C’è anche l’annuale Trans America Footrace, che si svolge in 64 tappe giornaliere consecutive da Los Angeles a New York. I corridori coprono quasi 4800 chilometri per una media di circa 72 chilometri al giorno.

Ultramaratona a tempo

In questo tipo di competizione, i corridori tentano di coprire la massima distanza possibile entro un determinato periodo di tempo (tale come 24 ore, 48 ore o sei giorni). Alcuni percorsi possono richiedere fino a una settimana e richiedono ai corridori di accamparsi, fare escursioni o navigare attraverso tratti di natura selvaggia. Alcune corse a tempo sono su percorsi fissi e sono chiamate “gare punto a punto”. Questi possono essere su sentieri boschivi, strade asfaltate o qualche combinazione tra le due. Altre corse a tempo sono gare a tappe che richiedono diversi giorni – a volte fino a una settimana – per essere portate a termine. Molte gare a tappe sono anche quelle di Rogaines : gare in cui il corridore deve tenere a portata di mano mappe e attrezzature di navigazione in modo che possa trovare la propria strada verso il traguardo. Spesso i Rogaines richiedono ai corridori di affrontare condizioni meteorologiche avverse, ferite, penuria di cibo o acqua e altre difficoltà legate alla sopravvivenza. Le stazioni di soccorso sono distribuite lungo il percorso, anche se a volte così distanti che i corridori sono costretti a badare a loro stessi.

I Benefici dell’Ultramaratona

Si parla ancora poco dei benefici e degli svantaggi dell’ultramaratona, forse perché non è ancora mainstream come la maratona.

Considerando che le ultramaratone si svolgono in gran parte su terreni morbidi come strade sterrate o sentieri boschivi, quest’aspetto riduce la pressione sulle articolazioni di un corridore. Inoltre, correre nella natura, piuttosto che in città, ha un impatto positivo comprovato sulla salute mentale di una persona.

Scegli i nostri prodotti per il tuo evento sportivo!

La corsa a lunga distanza rafforza il cuore, che sarà in grado di pompare il sangue ai muscoli in modo più efficace. I capillari si potenziano e, come risultato ,miglioreranno l’afflusso di sangue alle fibre muscolari. Ciò a sua volta fornisce maggiore energia e ossigeno ai muscoli. Aumenta anche la concentrazione di enzimi aerobici chiave. Questi enzimi svolgono un ruolo importante contribuendo a trasformare il carburante in forme di energia utilizzabili che è necessario durante la corsa.

Tuttavia, è importante ricordare che, sebbene i corridori di ultramaratona siano generalmente più sani e si ammalino meno frequentemente rispetto al resto della popolazione, tendono a soffrire più dolori al ginocchio e fratture da stress.

Gli svantaggi dell’Ultramaratona

Perché così tante persone vogliono correre una distanza che potrebbe risultare dannosa per il proprio corpo? Il brivido della sfida e la vittoria personale nel raggiungere un obiettivo così alto ispira la maggior parte dei maratoneti. Altri si allenano per una maratona perché vogliono bruciare migliaia di calorie rafforzando le loro ossa, il cuore e i muscoli.

La comunità medica è ancora molto indecisa se i benefici superano i rischi della corsa a lunga distanza. Il corpo umano è meravigliosamente progettato per adattarsi alle sollecitazioni fisiche della corsa a lunga distanza. Tuttavia, prima di allenarsi per la prima maratona, i corridori devono comprendere i rischi e quindi valutare con cura se vale la pena affrontare la sfida.

Problemi generali

Come in ogni sport, ci sono pericoli che i partecipanti di ultramarathon devono affrontare. Alcuni di questi sono problemi comuni per i corridori, come le storte e le slogature. Altri problemi, come le fratture da stress e la disidratazione, sono più comuni nei corridori di ultramaratona e richiedono precauzioni più decise.

Alcuni pericoli specifici degli ultramarateti sono graffi e lesioni da sottobosco, causati dalla vegetazione che i corridori devono attraversare. La combinazione unica di terreno e distanza espone anche i corridori a condizioni climatiche inospitali, cambiamenti di altitudine e il rischio di rimanere a corto di cibo o acqua senza accesso a una stazione di soccorso.

Cibo e bevande

I corridori devono razionare il loro consumo di acqua o bevande sportive per evitare l’iponatriemia associata all’attività fisica. Ciò si verifica quando i corridori riducono i livelli di sodio del loro corpo fino a quando le cellule si gonfiano e scoppiano. Mangiare cibi salati combatte questo problema, ma deve essere fatto anche con moderazione per evitare il disagio digestivo. La maggior parte dei corridori sperimenta un disagio digestivo almeno una volta durante una ultramaratona. È un problema inevitabile. I corridori sono incoraggiati a mangiare regolarmente e spesso, ma devono continuare a muoversi. Questo provoca una vasta gamma di problemi digestivi, dai crampi alla diarrea. E, anche se è ovvio, va detto: correre un ultramaratona a stomaco vuoto non è consigliato.

Alti e bassi emotivi

L’esercizio rilascia endorfine che, per la maggior parte delle persone, creano un senso di gioia o felicità. Quando qualcuno spinge il proprio corpo oltre i propri limiti per un lungo periodo di tempo, i suoi livelli di endorfina possono portare a una sensazione di euforia. L’ultramaratona porta questa esperienza ad un livello completamente diverso. Alcune persone si descrivono come dipendenti dalla fretta con cui spingono il loro corpo in movimento per così tanto tempo.

Queste maratone mettono a dura prova il corpo e, se il corridore non controlla se stesso, possono portare a bassi livelli di zucchero nel sangue e squilibri ormonali. Tali squilibri causano lacrime, attacchi di rabbia e altre reazioni emotive estreme che possono confondere i corridori non esperti.

Conseguenze mediche

La carenza di sodio è un problema con cui i corridori devono fare i conti. Molti riferiscono vista offuscata, unghie perse e un aumento del tasso di fratture da stress durante l’ultramaratona. Alcuni corridori possono anche sperimentare battito cardiaco irregolare e respirazione affannosa. Gli eventi di più giorni possono anche portare a allucinazioni, sia visive che uditive.

Molti di questi problemi si risolvono in un giorno o due dopo la fine della gara, mentre le allucinazioni possono sparire dopo un buon riposo. Un buon corridore sa comunque sempre quando fermarsi, se non vuole evitare di finire come il povero Pheiddipedes.

Potrebbero interessarti

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *