I disturbi del runner: come prevenirli

 

Correre offre tantissimi vantaggi per corpo e spirito ma il runner può anche andare incontro ad alcuni piccoli disturbi che, con le dovute precauzioni, possono essere evitati. Correndo si mette in moto tutta una serie di meccanismi che, se non opportunamente allenati, possono creare dei fastidi. Si tratta per lo più di fastidi risolvibili e soprattutto prevenibili.

Si va dal fastidioso dolore ai fianchi erroneamente chiamato “dolore alla milza”, a disturbi di carattere ortopedico come le distorsioni alle caviglie, a disturbi al tendine di Achille, alle vesciche.

Il primo consiglio è quello di seguire sempre una giusta progressione negli sforzi, gli allenamenti devono essere progressivi non si deve incorrere nell’errore di aumentare in modo brusco l’intensità dello sforzo, o di aumentare improvvisamente il numero di sedute o il numero dei chilometri percorsi . Occorre inoltre evitare sollecitazioni alle quali il nostro fisico non è preparato come le corse su superfici irregolari o nelle salite.

E’ inoltre fondamentale mantenere in forma tutta la muscolatura degli arti inferiori. In particolari le articolazioni del piede devono avere una buona mobilità.

Ovviamente è indispensabile lì utilizzo di scarpe adatte. In questo senso è bene affidarsi ad aziende competenti nel settore.

Per quel che concerne la fitta al fianco che ha più o meno riguardato tutti i runner  si tratta generalmente di un dolore che sorge al fianco sinistro e che “si fa vivo” quando si comincia a correre per poi scomparire dopo qualche giorno di allenamento.

Scegli i nostri prodotti per il tuo evento sportivo!

Le vesciche a i piedi rappresentano uno dei disturbi più frequenti del runner agli esordi. Anche la cute dei piedi, così come il resto del corpo, non è infatti allenata adeguatamente. Usare la vasellina o altre creme specifiche può essere d’aiuto come d’aiuto è, anche in questo caso, utilizzare le scarpe adatte.

Le distorsioni alla caviglia sono piuttosto frequenti soprattutto quando si corre su superfici irregolari. Ci sono distorsioni lievi conseguenti ad un solo stiramento dei legamenti e distorsioni più importanti con addirittura la rottura dei legamenti o la frattura del malleolo. In ogni caso, se capita una distorsione occorre nell’immediatezza applicare del ghiaccio e poi, ovviamente, rivolgersi al medico.

I dolori muscolari riguardano soprattutto polpacci, parte anteriore della coscia, glutei. Anche il tendine di Achille è un bersaglio facile. In questo senso è bene utilizzare alcune precauzioni come l’utilizzo di scarpe che si adattano perfettamente al piede capaci di attutire gli urti nel momento del termine della fase di volo. ; è inoltre opportuno correre il meno possibile su superfici irregolari; è importante fare ginnastica prima di ogni allenamento in particolare esercizi di allungamento del muscolo del polpaccio.

Con le dovute precauzioni si possono scongiurare e limitare questi disturbi e ci si può concentrare solo sul piacere della corsa.

Foto di Pixabay di Igen Licenza Pubblico Dominio

Potrebbero interessarti

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *