Consigli per correre per dimagrire

La prova costume si è ormai “giocata”, in parecchi davanti allo specchio restano insoddisfatti di ciò che vedono: alcuni di noi hanno fatto delle diete “pre- estate”ma, nonostante i chili persi, non sono comunque contenti. In effetti perdere peso senza tonificare il corpo non è corretto, soprattutto se i chili persi sono parecchi. Un ottimo sistema per perdere peso e tonificare il corpo è quello di correre. Perché correre, oltre alla miriadi di benefici per la nostra salute fisica e mentale, fa anche dimagrire. Spessissimo si inizia a correre proprio per perdere peso e questa motivazione si consolida ancora di più quando iniziano a vedersi i primi risultati.

A seconda dei chili da perdere si dovranno seguire delle specifiche tabelle di allenamento. Chi è in evidente sovrappeso dovrà comunque rivolgersi ad un medico per vagliare le condizioni generali di salute. In alcuni casi è indispensabile seguire una dieta prima dell’inizio dell’attività . Quando i chili da perdere sono troppi, quando si tratta di obesità non si può pretendere di “stare al passo” con un runner esordiente che ha solo qualche chilo in più. Il fisico è decisamente fuori allenamento ed inidoneo per svolgere un’intensa attività fisica ma, se al contrario la si prende troppo “lentamente”, la corsa non farà perdere il peso sperato.

Scegli i nostri prodotti per il tuo evento sportivo!

Vediamo perché: per dimagrire occorre bruciare calorie e per farlo occorre un lavoro intenso che, in termini di corsa, corrisponde a sedute di allenamento intense sia a livello di durata che a livello di frequenza. La corsa dovrà essere quasi un’attività aerobica, dovrebbe, per capirci, impedirci di chiacchierare con il nostro compagno di running. Solo in questo modo si perde peso correndo. Ma, come si accennava poche righe fa, questo non è possibile ed è sconsigliabile in un individuo obeso che fatica molto di più di un individuo con peso normale e che metterebbe ancora di più a repentaglio la sua salute (basta pensare alla sollecitazione delle caviglie ed allo sforzo del cuore). Un modo corretto per affrontare la situazione, previa visita medica, è dunque quello di seguire una dieta accompagnata da un allenamento che prevede, dapprima,  uscite con camminate alternate a corse blande e poi, gradualmente, a corse che, inizialmente dovranno essere varie: nella stessa seduta si può variare il ritmo e poi inserire, magari per un paio di volte alla settimana, sedute di corsa veloce. Con la costanza, la pazienza, la dieta corretta abbinata alla corsa, nel giro di qualche mese i risultati saranno soddisfacenti.

Foto di pixabay di skeeze licenza Pubblico Dominio 

Potrebbero interessarti

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *