Correre per eliminare la cellulite

 

Rappresenta il cruccio della maggior parte delle donne: è la  cellulite, antiestetica, antipatica e davvero brutta da vedere. Capace di rovinare anche i fisici più longilinei (perché colpisce anche le donne magre) la cellulite è difficile da combattere e da contrastare ma la corsa rappresenta un’ottima arma per prevenirla.

Cos’è la cellulite?

Lo strato adiposo che si trova sotto la cute e che funge come sorta di riserva energetica si regola a seconda del dispendio energetico diminuendo  quando il fabbisogno energetico non viene supportato da sufficienti calorie e aumentando quando  invece le calorie assunte sono maggiori di quelle consumate.

Questo strato dispone, come tutti i tessuti, di una sua vascolarizzazione  denominata microcircolo   indispensabile all’organismo per  reperire le energie. Il microcircolo viene negativamente influenzato da diversi fattori: alterazioni ormonali, predisposizioni genetiche, ritenzione idrica, vita sedentaria, alimentazione sbagliata  e la conseguenza è la rottura delle membrane delle cellule lipidiche con lo spargimento del contenuto nelle aree intracellulare. Ecco come si forma la cellulite.

Scegli i nostri prodotti per il tuo evento sportivo!

Come si combatte la cellulite

E’ dunque facile comprendere come la cellulite possa essere combattuta andando ad eliminare quelli che sono i fattori che contribuiscono alla sua formazione. Un’alimentazione sana ricca di  verdure e fibre, l’assunzione di acqua (almeno due litri al giorno) e il movimento sono alleati fondamentali per la prevenzione di questo problema.

Un allenamento costante e mirato, intervallato da momenti di riposo (fondamentali anche come regola per la vita quotidiana che dovrebbe tenere lontano lo stress) rappresenta un ottimo supporto per prevenire e anche nei casi meno gravi combattere la cellulite. Correre aiuta la circolazione e tonifica, la corsa contribuisce alla diminuzione della massa grassa a favore della massa magra.

Il fisico del runner non lascia insomma spazio a questo disturbo.

Potrebbero interessarti

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *